Archives

Giugno 2021

Er Madoff alla vaccinara

Conosciuto come il Madoff dei Parioli, o anche come il Madoff alla vaccinara, con riferimento al famoso piatto tipico della cucina romana, Gianfranco Lande operava da anni nell’elegante quartiere Parioli della capitale.

Scorri per ascoltare il podcast (speaker Marco Chiappini)

L’indagine che portò al suo arresto per abusivismo finanziario era durata tre anni e aveva svelato una truffa ai danni dei suoi clienti, un portafoglio di settecento nominativi, tra aristocratici, liberi professionisti, personaggi del mondo della cultura, della televisione, del cinema, dello sport, dell’edilizia.

Lo scudo fiscale del Governo Berlusconi

Lande prometteva rendimenti tra l’otto e il quindici per cento ed era arrivato a gestire un patrimonio di oltre 237 milioni di euro, investendo in “azioni, obbligazioni e liquidità negli stati fuori dal circuito dei controlli legali, previsti dalla normativa vigente”.

Dagli interrogatori successivi all’arresto di Gianfranco Lande emerse che tra i clienti ce n’erano alcuni che avevano utilizzato i servizi finanziari delle sue società per riportare in Italia i capitali che si trovavano all’estero, utilizzando lo strumento dello scudo fiscale.

Era il 2009 e il governo Berlusconi aveva varato una manovra tributaria chiamata scudo fiscale, che consentiva a chi aveva portato soldi all’estero (molto spesso per non pagare le tasse) di trasferirli nuovamente in Italia, regolarizzando eventuali frodi tramite il pagamento di un’imposta forfettaria di valore inferiore alle normali aliquote tributarie.

La faccenda scatenò parecchie critiche da parte dell’opinione pubblica nei confronti di alcuni personaggi dello spettacolo, i cui spostamenti di soldi all’estero fecero immediatamente pensare a somme guadagnate in nero e nascoste al fisco italiano.

Le banche indagate

Nel mirino delle indagini ci finirono anche alcuni istituti di credito, che non avevano operato correttamente nella classificazione delle società gestite da Gianfranco Lande; oltre all’accusa di abusivismo finanziario, i funzionari di banca furono accusati “di mancato adempimento dell’obbligo di identificazione della clientela”.

Classificando le società di Lande come “società non finanziarie”, gli consentirono di effettuare movimentazioni in entrata e in uscita per 65 milioni di euro, contribuendo così alla realizzazione del mega-raggiro.

Più che mega-raggiro… nà mandrakata!

Ascolta gli altri podcast qui.

Investimenti: ecco qualche mito da sfatare

Il mondo del risparmio e degli investimenti pullula di idee preconcette che sono spesso sbagliate o che magari ci sono state trasmesse da padri e nonni, probabilmente in linea con il loro contesto economico e sociale.

Proviamo a smontarne qualcuno.

Investire è solo per i ricchi. Falso.

Lasciatevelo dire: niente di più falso.

E se non vi fidate di me, allora seguite le indicazioni di Albert Einstein, che definì l’interesse composto come l’ottava meraviglia del mondo.

L’importante è cominciare a investire appena possibile e attraverso piccoli accantonamenti (dei piani di risparmio ne abbiamo parlato qui). Decidere il settore in cui investire dipende dagli obiettivi di medio e lungo termine, dal rischio che si è consapevoli di voler correre, ma se si hanno a disposizione tempo e un piccolo, piccolissimo, importo mensile, la forza dell’interesse composto di cui parlava Albert Einstein diventa davvero efficace.

Comprare quello che sale e vendere quello che scende. Falso.

Uno dei più grandi errori degli investitori è seguire i risultati di breve periodo, comprando quello che sale e vendendo quello che scende, quasi sempre in ritardo. 

A tutti piacerebbe avere la sfera di cristallo, agli investitori ancora di più ma indipendentemente da quello sta succedendo sui mercati, uno dei più grandi errori è quello di inseguire i risultati di breve periodo e quindi comprare quello che sta salendo e vendere quello che scendendo.

Alcune evidenze continuano a dimostrare che l’investitore medio insegue ciecamente i rendimenti passati, si lascia invaghire dai trend di breve periodo e raramente riesce a resistere alle più potenti emozioni in materia di finanza: l’avidità e la paura. 

Le performance passate, specialmente di breve periodo, sono solo uno degli indicatori da prendere in considerazione. Possono rappresentare un punto di partenza, ma non sono garanzia di risultati futuri. 

Il mattone è sempre l’investimento migliore. Falso. Falso. E ancora falso.

Dati alla mano, il settore immobiliare è piuttosto volatile.

E, potenzialmente, il valore di una singola casa lo è ancora di più. 

Se aggiungiamo la scarsa liquidità, l’ impossibilità di diversificare, i costi di manutenzione, le tasse da pagare (soprattutto se si tratta di una casa diversa dalla prima abitazione), tutto questo rende il mattone molto meno appetibile di altre opzioni.

Gli italiani che avevano ereditato degli immobili dai genitori o dai nonni e che si sono ritrovati senza lavoro a causa della crisi economica, sono riusciti difficilmente a fare fronte al carico fiscale derivante dal possesso di questi beni, che in molti casi non hanno nemmeno prodotto reddito, dato che la crisi economica ha penalizzato anche il mercato degli affitti.

L’investimento immobiliare si può inserire all’interno del patrimonio di una persona, ma solo se il proprietario ha un portafoglio che gli garantisca la liquidità necessaria per far fronte ai costi derivanti dal mantenimento di un immobile, altrimenti comporta un inutile esborso di denaro.

I soldi: meglio sotto al materasso. Falso.

Oltre al mattone e al Bot, le vecchie generazioni di italiani (e i figli che ancora ne seguono i consigli) considerano il materasso tra gli investimenti migliori. E se non li mettono davvero sotto al materasso, come si faceva un tempo, li tengono fermi su conti di deposito o conti correnti.

Su un mercato che offre possibilità di diversificazione sempre più ampie, tenere i soldi fermi è “un’occasione persa per quell’economia reale di cui si auspica da sempre il rilancio.”

Lo sostiene un articolo del Sole 24 Ore che oltre a calcolare la perdita subita da un capitale di mille euro, lasciato inattivo (sul conto corrente) per 20 anni ed eroso dall’inflazione, arriva al nocciolo della questione, legato al mancato sviluppo del paese.

Troppa liquidità bloccata a questo porta. Ciò non significa che i risparmi non vadano tenuti sui conti. Non significa rinunciare alla prudenza. Significa però che non bisogna esagerare. Una gestione più equilibrata della ricchezza potrebbe trasformarsi da occasione persa a volàno per il Paese.

I figli di Carlo Ponzi: Madoff e gli altri

Scorri per ascoltare il podcast (Speaker Marco Chiappini)

Carlo Ponzi viene condannato a cinque anni di prigione per frode postale, ma ne sconta tre e sei mesi. Dopo il carcere si dedica nuovamente alle truffe negli Stati Uniti, per poi a tornare in Italia e fare il mestiere di traduttore per una compagnia aerea italiana che ha rapporti con il Brasile. 

Sarà proprio in Brasile che vivrà gli ultimissimi anni della sua vita, sbarcando il lunario tra vari lavoretti, prima di morire, nel 1949.

La morte di Carlo Ponzi non mette fine al suo diabolico schema, che negli anni è stato praticato da personaggi senza scrupoli e alla ricerca di guadagni facili e veloci.

Perché c’è chi cade ancora nella trappola Ponzi?

Ma fermiamoci un attimo.

Se lo schema Ponzi è così noto, perchè ci sono ancora oggi persone che cadono nella trappola?

Eppure è chiaro a tutti che a un basso rischio di un investimento corrisponde un altrettanto basso rendimento. 

Che cosa spinge alcune persone a investire in un’operazione che promette, contro ogni legge di mercato, un capitale garantito e tassi di rendimento stellari?

La risposta è sempre la stessa: l’avidità.

E aggiungerei anche la scarsa educazione finanziaria, di cui si parla molto, ma mai abbastanza.

E anche la resistenza di alcune persone a non voler approfondire certi temi, preferendo a volte tenere fermi i soldi oppure affidandosi completamente a sedicenti promotori, che agiscono in pieno stile Ponzi.

Bernard Madoff

Tra i seguaci di questo stile, non si può non ricordare Bernard Madoff, ex Presidente del NASDAQ, uomo molto in vista a Wall Street, il cui schema Ponzi iniziato negli anni Sessanta saltò nel dicembre del 2008, proprio nel della crisi finanziaria, quando non fu più in grado di onorare le richieste di disinvestimento.

Madoff fu arrestato e condannato a 150 anni di carcere con l’accusa di truffa e per aver causato un ammanco di circa 65 miliardi di dollari ai suoi clienti.

Tra questi, vantava anche personalità dello star-system hollywoodiano come Steven Spielberg, Kevin Bacon, Kyra Sedgwick, e John Malkovich.

Il caso Giuffrè

Anche in Italia, in anni recenti, c’è stato un caso molto simile a quello di Madoff (di cui parleremo la prossima settimana), ma ce n’è un altro meno famoso e altrettanto importante che risale al 1958. 

L’ex impiegato di banca Giovanni Battista Giuffrè aveva iniziato a occuparsi della ricostruzione di chiese e conventi danneggiati dalla seconda guerra mondiale, per conto di enti ecclesiastici. 

La reputazione che si era creata, stando a contatto con gli istituti religiosi, gli aveva fatto ottenere la fiducia dei privati cittadini che gli affidavano i risparmi e a cui Giuffrè prometteva tassi di interesse altissimi.

Lo schema Ponzi applicato da Giuffrè saltò, come da copione, e il caso contribuì all’introduzione in Italia di una normativa più severa sulla raccolta di risparmio, che poteva essere effettuata solo da soggetti autorizzati dalla Banca D’Italia.

Ascolta in podcast

Ascolta gli altri podcast qui.

The Blonde Salad: l’esordio di Chiara Ferragni nell’imprenditoria digitale

Dalla dichiarazione dei redditi 2019/2020, l’imprenditrice digitale Chiara Ferragni vanta un patrimonio di 40 milioni di euro, frutto di collaborazioni, sponsorizzazioni, e di incassi delle sue tre aziende. La pubblicità, che ricomprende anche i suoi post di Instagram, produce da sola un fatturato di 11 milioni di euro.

Photo by Giorgio Montersino – Giorgio Armani Show, Milan Fashion Week MFW 2013

Di recente Chiara Ferragni è entrata a far parte del CdA di Tod’s S.p.A., un’azienda quotata, controllata dalla famiglia Della Valle, e specializzata nella produzione di calzature, abbigliamento e accessori.

La notizia ha prodotto un balzo del 14% del titolo Tod’s a Piazza Affari.

Oltre ai riconoscimento del mondo economico e finanziario c’era già stato anche quello accademico: nel 2014, infatti, la Harvard Business School aveva reso Chiara Ferragni oggetto di studio per aver fatturato 8 milioni di euro con la sua linea di scarpe in solo 6 anni.

The Blonde Salad: l’idea vincente di Chiara Ferragni e Riccardo Pozzoli

Era il 2009 e mi trovavo a Chicago per il quadrimestre di lavoro legato ai miei studi di marketing. Mi sono reso conto che in America i blogger facevano tendenza e condizionavano moltissimo i consumi. All’epoca Chiara postava le foto dei suoi outfit su varie piattaforme social, ottenendo un grande seguito. Così ci è venuta l’idea di aprire un suo blog. Abbiamo intravisto un’occasione di business, anche se non sapevo dove ci avrebbe portato. Il primo passo è stato acquistare il dominio da un provider americano.

Sono le parole di Riccardo Pozzoli in un’intervista per il magazine Millionaire, fondatore del blog che ha lanciato insieme a Chiara Ferragni, The Blonde Salad, con un investimento iniziale di 510 dollari (“10 per il dominio, il resto per la macchina fotografica”).

Sempre nell’intervista a Millionaire, Riccardo Pozzoli racconta l’idea che c’è dietro alla nascita di The Blonde Salad, sottolineando quanto oltre all’idea siano stati fondamentali anche il team e la dedizione al 100%.

In primo luogo il nostro connubio: Chiara appassionata di moda e fotografia e io orientato al marketing e al business. Abbiamo intuito che le aziende avevano un’esigenza di visibilità a cui noi abbiamo risposto con un progetto chiavi in mano apposta per loro. Abbiamo messo insieme l’aspetto creativo con quello promozionale. La pubblicazione dei post (su moda, viaggi, lifestyle) ogni mattina alle 9 rendeva la lettura un’abitudine quotidiana. Con i primi ricavi abbiamo allargato il team. La crescita è stata graduale. Fondamentale è stata la scelta di viaggiare tanto e avere da subito un respiro internazionale.

The Blonde Salad: espandersi sul mercato senza farsi travolgere

Il progetto non ci ha messo molto a prendere il volo: a febbraio 2010 Chiara Ferragni è stata invitata per la prima volta alla Settimana della moda di Milano che ha aperto alla realtà emergente, tutta nuova, di The Blonde Salad numerose occasioni di visibilità, tra cui alcune proposte di partecipazione a programmi televisivi.

“(…) decidiamo di rifiutare le ospitate: il mondo della moda è molto snob e la tv ci avrebbe allontanati dal nostro obiettivo. A volte serve la sensibilità di capire qual è la strada giusta da seguire o da evitare”.

Riccardo Pozzoli (intervista a Millionaire)

E Chiara Ferragni e Riccardo Pozzoli la scelta giusta da seguire l’hanno sicuramente capita.

Così come hanno capito che per consolidare i risultati ottenuti ed espandersi è fondamentale cambiare, evolversi.

Con l’avvento di Instagram molti dei blog che erano popolari all’inizio degli anni Dieci sono spariti, mentre The Blonde Salad ha cavalcato l’onda di quella che all’epoca era una novità nel mondo dei social, per crescere ancora e diventare un magazine di costume.

Dalla promozione dei prodotti dell’industria della moda alla decisione di lanciare la linea di scarpe a marchio proprio, Chiara Ferragni Collection.

Tutto questo nel giro di pochissimo tempo e mettendo in pratica quelli che sono i principi cardine di un’attività imprenditoriale di successo: avere ben chiara la propria visione di come fare impresa e riuscire ad arrivare in maniera semplice e chiara a un pubblico sempre più folto.

Lo schema Ponzi

E’ ormai noto in tutto il mondo lo schema Ponzi, un meccanismo ideato dall’italo-americano Carlo Ponzi, che ancora oggi continua a fare scuola tra gli innumerevoli maghi della finanza.

Scorri per ascoltare il podcast

Lo schema Ponzi in soldoni

In soldoni, si tratta di questo

Un promotore finanziario riesce ad attrarre l’attenzione e a raccogliere fondi da persone desiderose di investire e ottenere guadagni sicuri, che il promotore gli ripaga puntualmente grazie all’arrivo di altri soldi da altri risparmiatori. 

A questo punto la buona reputazione che il promotore è riuscito a costruirsi, grazie alla puntualità nel pagamento dei cospicui interessi, gli fa arrivare sempre più soldi attraverso i quali riesce a tenere in piedi la piramide. 

Il sistema rischia il collasso quando iniziano le prime difficoltà a trovare nuovi clienti da cui incassare denaro fresco per continuare a onorare gli impegni con i precedenti creditori.

I buoni di risposta internazionale

Charles Ponzi, al secolo Carlo Ponzi, nato a Lugo di Romagna in provincia di Ravenna, e vissuto poi tra Parma e Roma, emigra negli Stati Uniti nel 1903 dopo i suoi trascorsi giovanili piuttosto dispendiosi e inconcludenti, ma che già erano caratterizzati dal gioco d’azzardo e da una certa propensione a inventare e abbellire gli eventi, per trarne vantaggio.

Dopo alcune truffe negli Stati Uniti e in Canada, Carlo Ponzi scopre un modo per fare guadagni facili e legali attraverso i Buoni di risposta internazionale.

I Buoni sono dei titoli che hanno la funzione di pagare i costi postali tra due persone che vivono in stati diversi, e soprattutto con un diverso costo della vita. 

I Buoni hanno un costo diverso in ciascun Paese ma il loro controvalore in numero di francobolli è lo stesso dappertutto.

Carlo Ponzi capisce che se riceve i Buoni da un paese dove costano di meno, la transazione può generare un profitto. 

Con cento Buoni si possono ottenere cento francobolli, ma se un Buono spagnolo, che costa 10 centesimi di dollaro, è cambiato negli Stati Uniti con francobolli da 15 o 20 centesimi l’uno, ecco che il profitto è del 50% o del 100%. 

Nel 1920 Carlo Ponzi propone una speculazione sui francobolli italiani e dimostra di poter ottenere dei ritorni del 400%. 

Il giochetto funziona fino a che le analisi pubblicate da un giornale statunitense sullo schema di Ponzi rivelano che se i soldi raccolti da Ponzi fossero stati investiti in Buoni di risposta internazionale, avrebbero dovuto esserci centosessanta milioni di questi titoli in circolazione. 

La bancarotta

E invece ce n’erano solo ventisettemila.

Presi dal panico, alcuni risparmiatori si presentano da Ponzi richiedendo immediatamente indietro i soldi. Carlo Ponzi soddisfa le richieste per due milioni di dollari, accompagnandole con ciambelle, caffè, e la rassicurazione che tutto sta andando bene.

In realtà stava accumulando ancora denaro, ma solo aumentando le passività.

L’inchiesta giornalistica prosegue fino alla pubblicazione delle foto di un arresto di Carlo Ponzi in Canada, avvenuto molti anni prima, e delle analisi finanziarie che ne confermano l’imminente bancarotta.

Continua la prossima settimana

Ascolta il podcast (voce e musica di Marco Chiappini)

Le donne in banca

Sul sito di Intesa San Paolo, uno dei più importanti istituti di credito italiani, si può consultare la rubrica di podcast Intesa San Paolo On Air, “una raccolta di voci, storie, idee su futuro, sostenibilità, inclusione (…)“.

Il racconto sulle donne in banca ci dà un’idea di quanto gli stereotipi legati al genere femminile sui luoghi di lavoro abbiano radici lontane, e quanto poco abbiamo fatto per sradicarli definitivamente.

Essendo Intesa San Paolo nata dalle fusioni tra varie banche, le storie del passato raccontate in questa rubrica sono le più disparate e risalgono ai primi decenni del secolo scorso.

Le donne in banca

Tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale

Le donne entrano in banca per necessità: l’Italia entra in guerra nel maggio 1915 e gli uomini sono chiamati al fronte. Gli istituti di credito si ritrovano senza personale, e iniziano ad assumere le signorine

La Banca Commerciale Italiana ne assume 1300, in sostituzione dei 1700 impiegati uomini arruolati al fronte.

Nonostante le donne assumano sempre di più ruoli considerati di appannaggio maschile, devono sottostare a numerosi vincoli, primo fra tutti il fatto di non essere dipendenti in pianta stabile. Sono impiegate di guerra il cui ruolo è provvisorio e a volte i contratti sono addirittura giornalieri.

Gli anni della Grande Guerra rappresentano un’occasione rivoluzionaria per le ragazze del ceto medio, donne con il diploma di maestra o ragioniera che hanno l’occasione di inserirsi in nuovi ambiti di lavoro. 

Ma al ritorno degli uomini dalla guerra, le donne devono lasciare il posto di lavoro in banca; quelle che restano sono confinate a ruoli marginali.

Negli anni successivi, l’avvento delle macchine per scrivere e di quelle contabili, porta all’assunzione delle donne nei ruoli di centraliniste, dattilografe e segretarie.

Fra il 1940 e il 1943 si registra la seconda grande ondata di assunzioni al femminile, dovuta nuovamente ai motivi bellici.

Le signorine concludono il rapporto di lavoro con la banca quando gli uomini ritornano dal fronte oppure quando, sempre loro, le signorine, si sposano.

Il matrimonio

Le nozze comportano il licenziamento immediato, come recita il regolamento di Confederazione Bancaria Fascista dell’aprile del 1927:

Per il personale femminile la cessazione del rapporto di impiego avviene di pieno diritto quando l’interessata contragga matrimonio.”

Due anni dopo questo articolo viene abrogato ma resta la consuetudine di mandare via le donne che si sposano: si tratta di un licenziamento in forma di finte dimissioni, per evitare problemi con le organizzazioni sindacali.

In casi particolari, come quello di un’impiegata il cui stipendio era l’unica fonte di reddito della famiglia d’origine, si chiedeva l’intercessione di un alto prelato presso la direzione della banca, affinché la giovane donna non dovesse essere costretta alle dimissioni.

Bisognerà aspettare il 1963 perché venga promulgata una legge che vieta espressamente di allontanare dalle aziende le lavoratrici in caso di matrimonio.

La disparità tra uomini e donne

La disparità tra uomini e donne è anche nei salari.

Un regolamento ufficiale del 1921 prescrive che le impiegate di prima categoria abbiano uno stipendio inferiore a quello degli uomini, perfino più basso della paga dei commessi.

Nel 1944 la Confederazione Fascista delle aziende del credito e delle assicurazioni determina un aumento contrattuale che non potrà essere inferiore a Lire 300 mensili per il personale maschile e a Lire 180 per il personale femminile.

L’abbigliamento delle donne

Le lavoratrici sono tenute a indossare grembiuli bianchi o neri confezionati su misura.

Non sono permessi tocchi di femminilità come il rossetto, per esempio.

Una circolare del 1943 autorizza eccezionalmente le signorine a stare in ufficio senza calze d’estate.

Carriera delle donne in banca

La prima promozione di una donna alla qualifica di funzionaria in Cariplo (una delle banche da cui si è formata Intesa San Paolo) è del 1963, 140 dopo l’apertura dell’istituto.

La rivista aziendale le dedica un articolo in cui ci si augura che “la sua stessa strada sia presto percorsa da numerose altre signore e signorine tutte ugualmente graziose e gentili”.

Tutte ugualmente graziose e gentili. Era il 1963, ma ancora fino a sei anni fa (quando io ho lasciato la banca), si sentiva spesso appellare una collega “bella e brava“, come se il fatto di essere bella aumentasse il suo valore professionale.

La strada è chiaramente ancora lunga.

Molto lunga.

Tangentopoli sul piccolo e grande schermo

Le vicende di Tangentopoli, lo scandalo politico ed economico nato nel 1992 con l’inchiesta Mani Pulite, e che ha portato al crollo della Prima Repubblica, sono state raccontate forse troppo poco da televisione e cinema.

Scorri l’articolo per ascoltare il podcast.

Una parte della fitta trama di intrecci tra politici e imprenditori che negli anni dell’inchiesta hanno riempito le pagine dei giornali e i palinsesti della televisione, hanno trovato spazio in serie tv e documentari e in misura marginale anche in qualche film.

Avere una visione totale di tutti gli avvenimenti, con i collegamenti tra fatti, persone, amicizie, schieramenti, non è facile, ma possiamo provare a darvi qualche suggerimento.

1992

Iniziamo con una serie tv andata in onda su Sky qualche anno fa. 

1992 narra in chiave romanzata i mesi caldi di quell’anno, attraverso i punti di vista di sei diversi personaggi, le cui storie si intrecciano tra loro e con altri volti noti dell’Italia dell’epoca.

Alla prima stagione, se ne sono aggiunte altre due, 1993, in cui prosegue il racconto di quello scenario politico ed economico molto complesso e 1994, incentrato sull’arrivo di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi.

Il cinema

Alcune immagini, tra il drammatico e il grottesco, ricostruiscono i suicidi eccellenti di Tangentopoli nel pluripremiato film Il Divo di Paolo Sorrentino del 2008. Nella scena che segue, Eugenio Scalfari, direttore de La Repubblica, intervista un infastidito Giulio Andreotti, il quale sembra non essere minimamente toccato dall’ondata di scandali e morti che stavano travolgendo il paese.

Anche Marco Bellocchio, nel suo film Fai bei sogni, tratto dal romanzo autobiografico del giornalista e scrittore Massimo Gramellini, ricostruisce la scena del suicidio di uno speculatore finanziario coinvolto nell’inchiesta di Mani Pulite.

Nella realtà, lo stesso Gramellini seguì all’epoca i fatti di Tangentopoli come inviato da Montecitorio, a Roma.

La televisione

Con un taglio decisamente più documentaristico, ci sono i quattro capitoli del documentario Mani Pulite,  realizzati per la Rai nel 1997, a pochissimi anni di distanza dai fatti di cronaca, e oggi disponibili su YouTube:

Ascolta il podcast (voce e musica di Marco Chiappini)

Tangentopoli e la maxi-tangente Enimont

Inseguendo il sogno di costruire un grande polo chimico internazionale, la Montedison di Raul Gardini si unisce all’Eni, società petrolifera con partecipazione statale.

Ma le cose non vanno come Gardini le aveva immaginate e per uscire dall’affare Enimont si ritroverà ad andare contro i valori che lo avevano sempre guidato.

Compresa una maxi-tangente di 150 miliardi, che infiammò l’inchiesta Tangentopoli.

(Leggi qui la prima parte dell’articolo).

Il braccio di ferro tra Raul Gardini e lo Stato

Per Enimont, Raul Gardini dovette cedere alla politica, che gli promise gli sgravi fiscali necessari per portare a termine l’operazione.

La proposta di legge restò incagliata in Parlamento per ben due volte e a quel voltafaccia Gardini rispose con la decisione di scalare la società, rastrellando il 20% di azioni sul mercato, attraverso dei soci occulti.

Ma lo Stato italiano non voleva assolutamente cedere la chimica al settore privato e denunciò le manovre di mercato attuate da Gardini.

E fece di più: la parte pubblica di Enimont pagò una tangente in franchi svizzeri al giudice che dispose il sequestro di quel 20% di azioni sul mercato, così da mettere Gardini fuori gioco.

Uscire da Enimont

L’imprenditore decise così di uscire dall’intero affare, cercando di spuntare almeno un buon prezzo per le azioni in suo possesso.

Per spianare l’uscita da Enimont era necessaria ancora una volta la politica, erano necessari i partiti, erano necessarie mazzette e tangenti, per un totale di 150 miliardi di lire.

Per quella che molti definirono la madre di tutte le tangenti, due anni dopo la chiusura dell’intero affare Enimont, il magistrato Antonio Di Pietro, nel pieno dell’inchiesta di Tangentopoli, chiamò a testimoniare i principali esponenti della politica italiana.

Nel mirino di Mani Pulite finì anche Raul Gardini, che ammise di aver elargito alcune somme a esponenti di partito che gli avrebbero consentito l’uscita da Enimont, ma affermò che non si trattava di una somma così ingente.

La fine

Lasciato solo dai suoi collaboratori e consulenti con cui un tempo aveva lavorato, nei suoi ultimi giorni di vita aveva chiesto la documentazione necessaria per la sua difesa, in vista dell’incontro che a breve avrebbe avuto con il magistrato Antonio Di Pietro.

Quella documentazione non gli fu mai consegnata, e alimentò quel senso di frustrazione misto all’impotenza di non riuscire a districarsi da una situazione più grande di lui.

Dopo il suicidio di Gabriele Cagliari, ex Presidente di Eni, suo rivale nell’affare Enimont, che si uccide in carcere il 20 luglio 1993, tre giorni dopo Raul Gardini si toglie la vita con un colpo di pistola alla tempia.

Buona Festa della Repubblica!

Il 2 giugno in Italia si celebra la Festa della Repubblica.

Buona Festa della Repubblica

Il 2 giugno del 1946 ebbe luogo un referendum istituzionale indetto per determinare la forma di governo, dopo la fine della seconda guerra mondiale.

Fu una data importante, perché per la prima volta votarono anche le donne.

La Repubblica ottenne 12.717.923 voti favorevoli, mentre la monarchia ne ottenne 10.719.284.

Ci vediamo domenica 6 giugno con le attività didattiche da scaricare e mercoledì 9 giugno con i podcast.

Buona Festa della Repubblica!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi