Cinema e Finanza: Toni Servillo protagonista del crac Parmalat ne Il Gioiellino

Il crac Parmalat è stato il più grande scandalo di bancarotta fraudolenta e aggiotaggio messo in piedi da una società privata in Europa; il cinema lo ha raccontato nel film Il Gioiellino (2011) di Andrea Molaioli con Toni Servillo, nel ruolo del ragioniere Ernesto Botta.

La storia è ispirata a fatti realmente accaduti analizzati attraverso lo studio di materiale pubblico e di articoli di stampa. Tuttavia, alcuni personaggi e molti fatti narrati sono frutto di invenzione e di creazione artistica degli autori“, si legge nei titoli di coda.

Leda è un gioiellino

Storica impresa familiare produttrice di latte e dolciumi, ben radicata nel territorio di una virtuosa provincia del Nord Italia, l’azienda Leda è guidata dal suo patron Amanzio Rastelli.

Il Gioiellino, Andrea Molaioli, 2011

Rastelli sembra ispirato dai valori della tradizione e della famiglia.

Ma il latte non dà marginalità, non porta ricavi, e la Leda si trova ad affrontare grossi problemi di liquidità.

Dove li troviamo questi soldi?

Amanzio Rastelli si confida con il suo braccio destro, Ernestino: Ernesto Botta, un contabile vecchio stampo che fa fatica con le tecnologie e con un mondo che sta iniziando a cambiare.

Sono gli Anni Novanta, la finanza è roba per pochi, per addetti ai lavori; la piccola e media impresa italiana è la spina dorsale del Paese che pensa a produrre e a tenere alta la bandiera del made in Italy nel mondo.

Circondato da una giovane generazione di dirigenti laureati alla Bocconi di Milano, è il ragioniere Ernesto Botta a tirare fuori il coniglio dal cilindro per risolvere i problemi di liquidità.

Dove li troviamo questi soldi?

Entriamo in Borsa. Ci facciamo sovrastimare il prezzo delle nostre azioni e poi i capitali arriveranno dal mercato.

Lunga vita alla Leda!

Dopo l’euforia iniziale per l’entrata in Borsa e la quotazione all’indice MiB30 di Piazza Affari i problemi di liquidità riaffiorano ancora più pressanti.

Il Paese è cambiato: i partiti della Prima Repubblica non possono più concedere alle aziende i favori di un tempo.

L’Europa è cambiata: dopo il crollo del Muro di Berlino Rastelli guarda alla Russia, sperando di trovare nuovi mercati ancora fertili, ma con poco successo.

E se mi ritirassi dalla campagna di Russia?

Siamo nella Seconda Repubblica di Silvio Berlusconi, e il vecchio Rastelli non può fare altro che seguire le indicazioni di un suo vecchio amico politico:

Per stare nella Serie A del capitalismo bisogna giocare a tre punte, con il tridente: un giornale, una squadra di calcio, e una banca.

Rastelli una squadra di calcio ce l’ha.

Non ha un giornale, ma soprattutto non ha una banca che possa coprire le emorragie di liquidità sempre più profonde.

Un’enorme liquidità

Così Rastelli si affida a banche straniere per emettere prestiti obbligazionari che possano tamponare l’emergenza di liquidità.

Per ottenere il consenso di queste banche il ragionier Ernesto Botta aveva ritoccato il bilancio, così da far sembrare la Leda solida e liquida.

Questo non sfugge ai giornalisti che assediano Rastelli e Botta durante una conferenza stampa molto serrata e dove i due si difendono con risposte affilate e quasi preconfezionate:

Come mai continuate a indebitarvi quando in cassa avete quasi quattro milioni di euro? Con quell’enorme liquidità non sarebbe più opportuno ripianare i debiti?

– (…) Restiamo liquidi per cogliere al volo le occasioni che il mercato può offrire.

Sì, però alcuni fondi di investimento e altre banche d’affari stanno consigliando di vendere le azioni Leda…

E’ una mossa di quei miserabili degli analisti finanziari per deprimere le quotazioni, comprare al ribasso e speculare sul titolo. Abbiamo già pronto un esposto alla CONSOB per turbativa di mercato.

Se i soldi non ci sono, inventiamoceli

Quando i nodi vengono al pettine, sul finire del 2003, la Guardia di Finanza arresta il ragionier Botta e il suo collaboratore.

Rastelli riesce a fuggire all’estero, ma la cronaca di quei giorni ci dice che il vero patron, Calisto Tanzi, fu arrestato il 27 dicembre e processato per bancarotta fraudolenta e aggiotaggio.

Il crollo finanziario della Parmalat (la Leda nel film) ha comportato la perdita dei soldi investiti per i piccoli azionisti.

Quelli che avevano investito in obbligazioni hanno ricevuto solo un parziale risarcimento.

Un gioiellino di film

Aiuto regista di Nanni Moretti, da Palombella Rossa fino a La stanza del figlio (Palma D’Oro a Cannes), e anche regista della prima e della seconda stagione della serie Netflix Suburra, Andrea Molaioli firma un’opera seconda che spicca, oltre che per la sua regia, anche per un cast tecnico e artistico di grandi professionisti.

L’inconfondibile fotografia di Luca Bigazzi, ben noto anche per sue numerose collaborazioni con Paolo Sorrentino (tra cui Le conseguenze dell’amore, Il Divo e La grande bellezza) si sposa perfettamente con la musica incalzante del compositore Teho Teardo.

In primo piano c’è un cast di attori di lungo corso: Toni Servillo nel ruolo di Ernesto Botta e Remo Girone in quello di Amanzio Rastelli, ma non passa inosservato nemmeno l’inossidabile (ancora oggi) Renato Carpentieri, nel ruolo del politico amico di Rastelli.

Accanto a loro c’è una nuova generazione di attori, come Lino Guanciale, nello scomodo ruolo del Direttore marketing, assalito da sensi di colpa e conflitti interiori e Sarah Felberbaum, personaggio ambiguo e controverso, nipote di Rastelli e amante di Botta.

Primo film nel panorama cinematografico italiano a parlare di finanza, a distanza di nove anni, Il Gioiellino resta attuale e ben rappresentativo di un’Italia che (per fortuna) non c’è più, ma di cui ancora paghiamo le colpe.

Il gioiellino

Anna Quaranta

7 Comments

  1. I definitely wanted to compose a simple message so as to express gratitude to you for all the pleasant tactics you are giving here. My rather long internet research has at the end been honored with good knowledge to share with my pals. I ‘d say that many of us readers actually are extremely lucky to be in a really good place with very many special people with very helpful strategies. I feel somewhat blessed to have discovered your entire website page and look forward to plenty of more fabulous times reading here. Thanks a lot once again for all the details.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi