L’origine della banca (prima parte)

La nascita delle moderne banche è una storia tutta italiana e risale all’epoca rinascimentale, durante gli scambi commerciali che partivano dalle Fiandre e dal nord Italia, le due regioni più sviluppate d’Europa.

L'origine delle banche

Scorri l’articolo per ascoltare il podcast

La moneta di scambio delle merci era l’oro, che, oltre a servire nei pagamenti, era anche oggetto di lavorazioni artigianali da parte degli orafi.

Per conservare l’oro, questi usavano delle casseforti molto robuste.

Fu così che iniziarono a offrire un servizio di custodia ai mercanti che non volevano rischiare la pelle, andando in giro con tutto quell’oro che gli sarebbe servito per il commercio.

In Toscana o a Genova, non si sa precisamente dove, nacque la prima funzione della banca moderna. Il mercante depositava l’oro e  otteneva in cambio una ricevuta.

La ricevuta sarebbe servita non tanto per riottenere indietro il denaro dall’orafo che lo aveva in custodia, ma per riscuotere una quantità di oro uguale a quella scritta sulla ricevuta, magari da un orafo di un’altra città e dietro il pagamento di una commissione.

La ricevuta si chiamava “nota di banco”, perché veniva firmata dall’orafo sul suo banco di lavoro; è facile intuire come questo titolo di credito a tutti gli effetti, sia l’antenato del moderno assegno

Moderno, si fa per dire.

La prossima settimana la seconda parte del podcast sull’origine delle banche.

Ascolta il podcast (voce e musica di Marco Chiappini)

Leggi e ascolta la seconda parte.

Leggi e ascolta la terza parte.

Ascolta qui gli altri podcast.

Anna Quaranta

2 Comments

  1. Pingback: L'origine della banca (seconda parte) - L'Italiano della finanza

  2. Pingback: L'origine della banca (terza parte) - L'Italiano della finanza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi