Il mondo dei bancari: Impiegati di Pupi Avati

Dopo Il Gioiellino di Andrea Molaioli, restiamo in tema di film che raccontano il mondo dei soldi con una pellicola molto distante dalla tensione degli scandali finanziari. Impiegati del regista bolognese Pupi Avati racconta uno spaccato, il mondo dei bancari, nell’Italia del secondo boom economico.

il mondo dei bancari
Impiegati, Pupi Avati, 1985

Quindicesimo film di un regista ancora oggi molto prolifico, Impiegati affronta il tema della paura e della prevaricazione in un ambiente di giovani arrivisti, disposti a qualsiasi sotterfugio per fare carriera e ottenere favori personali da superiori e clienti facoltosi.

I personaggi

Il protagonista è Luigi, un giovane neolaureato e neoassunto che ha ereditato dal padre, come tutta la sua generazione, sia il posto fisso in banca che un’Italia ben solida (anche se ancora per poco).

Luigi si integra con molta difficoltà nel gruppo di lavoro, l’ufficio fidi, dove si istruiscono e si deliberano pratiche di fido importanti.

Il suo lavoro consiste nel controllare l’attendibilità dei documenti a garanzia dei fidi da concedere.

A guidarlo c’è lo spregiudicato capoufficio Enrico, che per ammorbidire il giovane Luigi lo presenta alla sua enigmatica e affascinante moglie Annalisa.

Così come Enrico anche gli altri colleghi sembrano incapaci di provare una sincera socializzazione, nonostante trascorrano insieme le serate tra discoteche e feste mondane e i fine settimana al golf club.

Ma l’allegria diffusa e un ostentato benessere economico sono pura apparenza.

Il sogno

L’unico che cerca di sfuggire al grigiore di questa vita è Dario, il coinquilino di Luigi, uno studente di Cinema al DAMS, il Dipartimento di Arte, Musica e Spettacolo, una storica facoltà universitaria da sempre simbolo di Bologna.

Il giovane racconta di essere nato in un cinematografo una sera in cui davano A qualcuno piace caldo di Billy Wilder.

Per le troppe risate sua madre lo aveva partorito lì, e lui, da grande, ha deciso di inseguire quel sogno grazie al quale era venuto al mondo.

La maledizione del posto fisso

Gli altri personaggi invece ai sogni ci hanno rinunciato, e questa è un po’ la maledizione del posto fisso.

All’epoca lavorare in banca era considerato come vincere alla lotteria.

E ci si entrava molto spesso per conoscenza e raccomandazione.

Qualcuno ci riusciva per merito (posso personalmente metterlo per iscritto!) e questo suscitava un po’ di invidie da parte di colleghi e superiori.

Pupi Avati lo fa dire proprio a uno dei personaggi del film, un funzionario bloccato nella carriera e per questo invidioso di un suo collega che è stato promosso per meriti:

E quello che è veramente doloroso lo sai cos’è? È’ avvenuto tutto alla luce del sole, senza santi in paradiso, senza raccomandazioni…per soli meriti. Non ti sembra offensivo?”

Anna Quaranta

3 Comments

  1. Nonostante si tratti di un film del 1985 la descrizione del mondo dei bancari è attualissima…..bel film e bell analisi di questa realtà….complimenti Anna! Leggo sempre i tuoi articoli, riesci a spiegare in maniera semplice questa materia rendendola interessante anche a chi come me non ha questo tipo di preparazione, grazie!

  2. Pingback: Il posto fisso (prima parte) - L'Italiano della finanza

  3. Pingback: Il posto fisso (seconda parte) - L'Italiano della finanza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi